Anche in Basilicata effetto fake news

Fotografia di © ANSA

Anche i consumatori lucani subiscono l’effetto delle “fake news”, ossia le “bufale” su internet relative a “credenze sul cibo non supportate da basi scientifiche effettive”: è quanto afferma in una nota la Coldiretti Basilicata, sulla base di un’indagine nazionale presentata a Roma per la campagna #stopfakeatavola, promossa dalla Coldiretti e dall’Osservatorio sulla criminalità nell’agricoltura e sul sistema agroalimentare.

Aumentano quindi, in Basilicata, i consumatori che subiscono l’effetto delle “fake news” nello scegliere i prodotti agroalimentari da acquistare, e

“il web si configura sempre più come ‘porto franco’ delle bufale alimentari con un preoccupante effetto valanga – hanno detto il presidente e il direttore regionale di Coldiretti Basilicata, Piergiorgio Quarto e Francesco Manzari – e la scorretta informazione nell’alimentare ha un peso più rilevante che negli altri settori perché va a influenzare direttamente la salute. Per questo dobbiamo prestare particolare attenzione ed essere grati a quanti sono impegnati nello smascherare gli inganni”.

Dall’ananas dimagrante allo zucchero di canna che non fa ingrassare, dalla favola che le banane sono le più ricche di potassio al kamut spacciato per un varietà di cereali antica con proprietà esclusive ma anche che mangiare carne o latte fa sempre male o che chi è intollerante al lattosio non deve mangiare formaggi, sono alcune delle bufale alimentari virali in rete.

“Per questo è necessario partire dai più piccoli e Coldiretti è impegnata nell’educazione nelle scuole e nell’informazione nei mercati degli agricoltori con il progetto Campagna Amica – ha aggiunto Manzari – che consente di ricostruire un rapporto diretto tra chi produce e chi consuma nel segno della trasparenza. Un arricchimento culturale che, con la conoscenza diretta, contribuisce a combattere le fake news, ma anche ad adottare comportamenti di acquisto più informati e consapevoli. Campagna Amica con una presenza estesa dalle fattorie ai mercati, dai ristoranti al cibo di strada, dagli agriturismi agli orti urbani è diventata – ha concluso Manzari – la più vasta rete di vendita diretta degli agricoltori organizzata con proprio marchio del mondo alla quale vanno riferimento oggi quasi ventimila agricoltori”.

Fonte:  © ANSA,  © Basilicatanews – Leggi l’articolo originale

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...