E’ ora online la pubblicazione EUMOFA Il mercato ittico dell’UE – Edizione 2016

Il Mercato Ittico all’ingrosso di Chioggia
Fotografia di © FRANCO CELANT

Quali specie ittiche ha prodotto e consumato l’UE nel corso dell’ultimo anno? Quali sono oggi le principali tendenze del mercato del pesce? Le risposte a queste e molte altre domande sono nell’edizione 2016 di “The EU Fish Market”, è ora on-line.

“The EU Fish Market” fornisce un’istantanea delle nostre pesca e l’economia del settore dell’acquacoltura. È pubblicato una volta all’anno da European Market Observatory for Fisheries and Aquaculture Products ed è disponibile in cinque lingue.

I consumatori europei hanno speso 54 miliardi di euro per l’acquisto di prodotti della pesca e dell’acquacoltura nel 2015, raggiungendo la più alta spesa mai registrata. Una tendenza generale positiva è stata registrata in quasi tutti gli Stati membri. Il consumo pro capite di pesce all’anno è aumentato a 25,5 kg, in quanto i consumatori europei hanno mangiato un kg di pesce in più rispetto al 2013. Il tonno è il prodotto più consumato nell’UE, con un consumo pro capite di 2,6 kg nel 2014, seguito da merluzzo, il cui consumo pro capite è aumentato del 22% 2012-2014.

La fornitura di pesce nell’UE è cresciuta di quasi 650.000 tonnellate tra il 2013 e il 2014 (+ 4,5%). Driver principale la produzione interna, che è aumentato di 570.000 tonnellate, per lo più provenienti da attività di pesca. L’autosufficienza dell’Unione europea è migliorata, passando dal 44,5% al 47,5%. Il pesce da solo rappresenta quasi il 20% del valore complessivo di prodotti alimentari importati dalla UE, 120 miliardi di euro. Il saldo deficit commerciale del 2015 è stato il più grande che mai, confermando l’UE come un importatore netto di prodotti della pesca e dell’acquacoltura.

Il valore del pesce importato è cresciuto del 6% a partire dal 2014 e ha raggiunto 22,3 miliardi di euro. Questo è stato determinato principalmente dalle importazioni di merluzzo, gamberi e salmone. Nel 2015, l’UE ha esportato meno prodotti della pesca e dell’acquacoltura in termini di volume (-11%) rispetto al 2014, ma il loro valore è salito a 4,5 miliardi di euro (+ 3%), il più elevato mai registrato. L’incremento del valore è stata trainato dalle esportazioni di tonno rosso dalla Spagna e dalla farina di pesce dalla Danimarca.

Quasi la metà del commercio di prodotti ittici all’interno e all’esterno dell’UE è costituito da scambi tra gli Stati membri dell’UE. Nel 2015, erano 4 volte superiori a quelle delle esportazioni verso i paesi extra-UE, e ammontano al massimo storico di 6 milioni di tonnellate per un valore di 22,5 miliardi di euro. Nel 2014, il valore dei prodotti sbarcati in Europa è stato 7,3 miliardi di euro, l’8% in più rispetto alla media di 10 anni. Mentre nel 2013 i gamberetti erano le specie più apprezzata, il nasello li ha superati nel 2014, grazie ad un sostanziale aumento registrato da Spagna e Francia. L’UE è il più grande importatore al mondo. Nel 2015 il suo deficit commerciale ha raggiunto 17,8 miliardi di euro, vale a dire 6 miliardi di euro in più rispetto al deficit degli Stati Uniti e 7 miliardi di euro in più rispetto a quello giapponese. I prezzi al dettaglio per i prodotti ittici sono aumentati da 2010 al 2015, con la crescita più alta annua registrato nel 2011.

Apri Profilo d’Italia sull’EUMOFA

Sorgenti:

  • © pesceinrete.com – Leggi l’articolo originale
  • © EUMOFA Osservatorio europeo del mercato dei prodotti della pesca e dell’acquacoltura
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...