Pesce e frutti di mare sono i nutrienti eccezionali, i numeri uno dai prodotti naturali

5882508208_d1038eeda3_o
Fotografia di © Acqua Pazza Restaurante

Frutti di mare, tali contengono le proteine e gli acidi grassi omega-3, sono  anche una fonte essenziale di nutrienti come lo iodio, vitamina D e calcio, quali sono fondamentali per una vita sana.

Ci sono 10 fatti da sapere di frutti di mare:

  • Più di 3.1 miliardi di persone dipendono da frutti di mare con i suoi 20% di nutrizione delle proteine animali, e più di 1.3 miliardi per 15% di nutrizione.
  • Il consumo di frutti di mare fu aumentato dai 9 kg pro capite nel 1961 ai 20 kg  pro capite nel giorno d’oggi con l’aspettative del consumo di 21.5 kg nel 2024.
  • Le specie più catturate nel mondo sono: Engraulis ringens (conosciuto in italiano come acciuga cilena) – maggior parte di quale finisce come la farina di pesce o l’olio di pesce, seguito dal merluzzo d’Alaska, il tonnetto striatol’aringa e il lanzardo.
  • Quelli parti di pesce come la testa, i visceri e le spine dorsale, costituiscono 30-70% di pesce e contengono tanti micronutrienti sono spesso sottovalutati.
  • Frutti di mare sono la risorsa unica di iodine, nutriente primario dello sviluppo neurologico, che oltretutto aiuta alla funzione tiroidea. (Voi saperne di più come funziona? Leggi i nostri articoli Frutti di mare nella dieta dei bambini e Mangiare pesce in gravidanza fa bene al cervello del nascituro)
  • Le ossa di tonno utilizzati per la farina di pesce possono arricchire le diete tradizionali, come ad esempio la farina di mais, con gli acidi grassi omega-3, vitamine e minerali, come ferro, zinco e calcio.
  • La farina di pesce come le sardine di lago sta guadagnando la popolarità nei paesi africani ad esempio l’Uganda, poiché fornisce i nutrienti mancanti nella dieta regione sulla base di grano e amido.
  • Frutti di mare sono i prodotti della liquidità più alta tra i prodotti alimentari e contribuiscono al economia globale più di US$ 145 miliardi annuali.
  • 35% di frutti di mari diventano lo spreco –  in due volte di più rispetto ai prodotti sulla base di carne.
  • 8%  dei pesci catturati buttano via nel mare. In maggior parte dei casi essi sono morti, essiccati o gravemente danneggiati.

Sorgente: © FAO – Leggi l’articolo in originale (in inglese)

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...